“Regina: stop alle moto nei festivi e pre festivi”

Come ho già fatto presente nei miei post precedenti, da tempo ho avuto l’idea di proporre la chiusura di determinate strade ai centauri, in modo particolare nei week-end. La proposta sembra inapplicabile, o meglio, non la si vuole applicare per evitare di entrare nell’occhio del ciclone. Io a volte mi chiedo se chi occupa determinate cariche istituzionali lo faccia per senso civico o solo per comodità, stile Don Abbondio, e tenti di evitare ogni possibile polemica o iniziativa. Riporto dunque, per sottolineare la bontà della mia iniziativa questo articolo.

Solo un considerazione: è possibile che ci si debba muovere solo quando vengono interessate determinate persone? Deve farsi male un poliziotto perché qualcosa si muova? Possibile che non si possano anticipare le cose? Ci deve sempre essere il morto o il ferito?

Riporto l’articolo:

LAGLIO La Regina interdetta alle moto di cilindrata superiore ai 125 centimetri cubici nei giorni festivi e prefestivi. Questa la provocazione lanciata dal sindacato autonomo di Polizia che definendo, in un durissimo comunicato, la statale 340 «Regina di morte», chiede che, in seguito all’investimento dell’agente scelto della Polizia stradale di Como Angelo Grossi, «perpetrato domenica scorsa da due motociclisti nel comune di Laglio, obbliga il Sap  a chiedere al prefetto di Como di limitare la circolazione per le moto di cilindrata superiore ai 125 centimetri cubici nei giorni festivi e prefestivi ai non residenti».
L’agente Grossi, che aveva intimato l’alt ai due centauri, ha riportato la frattura a un braccio e una doppia frattura a una gamba; la prognosi dovrebbe essere di almeno tre mesi. I motociclisti sono accusati di lesioni gravi; uno anche di resistenza; si tratta di un 32enne di Cislago, Donato Bellusci, e di un 38enne di Cassina Rizzardi, Aldo Riva.
«Lungi da noi il voler criminalizzare un intera categoria di persone – continua il comunicato -; ma deve essere chiaro a tutti che questa consuetudine che vede i conducenti di motoveicoli di grossa cilindrata usare la Regina come una pista deve cessare. In assenza di interventi non resta che non intimare più l’alt ai motociclisti».

http://www.laprovinciadicomo.it/stories/Lago%20e%20Valli/144718/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...