Scicli. Sulla moto su una ruota per 4 Km su YouTube. Rintraccaito dalla polizia municipale

Una notizia di un paio di anni fa.

Su una ruota per 4 Km. Pescato su Youtube dalla polizia municipale Minorenne, quasi vicino alla patente B, spericolato, in equilibrio su una ruota, ininterrottamente sui tornanti che da Scicli portano a Sampieri, per quattro lunghi, interminabili chilometri. La polizia municipale di Scicli ha rintracciato le prodezze del giovane centauro su Youtube, il sito internet in cui i giovani, e non solo, caricano i video delle proprie esibizioni, e hanno iniziato una silenziosa attività di indagine per identificare il ragazzo. Il filmato era stato ripreso da alcuni amici complici, che lo avevano affiancato in moto, con telecamera a spalla, per immortalare la prodezza: quattro chilometri impennato su una ruota a bordo dello scooter, lungo un tracciato fatto di tornanti, e di auto che provenivano in senso contrario. La legge italiana, purtroppo, non permette di perseguire penalmente il reato di guida pericolosa sol perché questa è stata filmata e pubblicata su un sito internet. Ciò nondimeno, gli agenti al comando di Franco Nifosì, dopo un lungo periodo di indagine, sono risaliti all’identità del minore, e al gruppo di amici che hanno il mito dell’impennata su una ruota con lo scooter. Della questione sono stati investiti i genitori, che erano ignari della pubblicazione del filmato, e del grande successo (e qui sta la cosa preoccupante) che aveva riscosso su internet. Il video era stato rimosso, ora è riapparso, e ha il tono mitico ed epico che si conviene a un gesto eroico. Quella della spericolatezza degli scooteristi a Scicli è una vera piaga sociale. Dopo le nove di sera, quando cessano i servizi della polizia municipale, alcune strade del centro storico sono invase da scooteristi, con moto maggiorate e smarmittate, che imperversano all’impazzata, a volte contromano. La moto è diventata l’occasione di sfogo di personalità insoddisfatte e represse, e i centauri sono pericoli pubblici. Diversi di loro viaggiano senza targa, con targa e numero di telaio abraso, in condizioni di totale illegalità. Spesso la polizia municipale è costretta a rinunciare agli inseguimenti proprio per evitare rischi all’incolumità di questi incoscienti, che non paghi, pubblicano su internet le loro gesta eroiche. E i genitori non si rendono conto del pericolo che i loro figli rappresentano nella circolazione pubblica. Salvo essere raggiunti poi da inattesi dispiaceri.

27 aprile 2008

http://www.radiortm.it/2008/04/27/scicli-sulla-moto-su-una-ruota-per-4-km-su-you-tube-rintracciato-dalla-polizia-municipale/

C’è bisogno di commentare? Certo si potrebbe andare sulla retorica, si potrebbero fare i complimenti vivissimi agli autori dell’impresa, si potrebbe dire che sono solo ragazzi ed è solo una bravata ecc. Ma io preferisco non dire nulla. Ognuno è libero di trarre le conclusioni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...