Il canto del Pompone

Per la serie “c’è chi ha capito proprio tutto della vita…” ecco un passo molto poetico che descrive la soave melodia di un bolide Ducati.

Che dire del canto del Pompone? E’ lui che fa voltare tutti ai bordi della strada, è lui che ci annuncia con enfasi…sentiamolo dalle parole di un Ducatista…avete mai apprezzato l’evoluzione del rumore allo scarico lungo la curva di erogazione? Quando spalanco il gas il motore urla

La scatola filtro fa da cassa di risonanza amplificando il cupo rumore del vorace bicilindricoassetato di miscela. Il condotto di aspirazione è finalmente libero da elementi limitatori ed il risucchio si traduce in un rombo sordo, forse più accattivante di quello allo scarico.
Il motore sale di giri, nell’intervallo 5000-5500, il grido desmodromico si fa davvero rauco e brutale. La cattiveria che si sprigiona nella fase di aspirazione è udita prevalentemente da chi ci precede, essendo i due cornetti di aspirazione rivolti in avanti. In più di un’occasione ho visto persone voltarsi spaventate dall’aggressività del motore in rombante progressione…;

Addirittura le soste ai semafori diventano occasioni per gustare le melodiose note dei vari organi pulsanti in movimento:

il tintinnio di quell’organo in movimento (la frizione a secco) è musica per le mie orecchie. Il massimo della melodia, contrariamente a quello che si potrebbe pensare, lo si ottiene a gas nullo, quando il minimo è sottile ed il motore sembra spegnersi da un momento all’altro…in questi istanti, quando il minimo è altalenante, la frizione suona come non mai e le soste ai semafori non sono poi così lunghe e noiose…;

http://www.ducati.com/it/bikes/techcafe.jhtml?detail=article&value=global&part=global&artID=36

Fino a quando il mezzo in questione rimane in pista, nulla da eccepire. Ma quando questo non avviene.. e parlando di soste ai semafori e di gente ai bordi della strada, mi sembra che sia questo il caso, allora qualcosa da ridire ce l’avrei. Sì perché con la Ducati (ma non solo) si entra nel merito della questione dei corsaioli: in assoluto e di gran lunga la sottocategoria peggiore fra i centauri. Sono coloro che maggiormente gettano discredito sulla categaoria e riassumono i due problemi principali: pericolo e rumore.

E’ lui che fa voltare tutti ai bordi della strada, è lui che ci annuncia con enfasi

E’ la famosa “arroganza del loro orgoglio di cui si è parlato qualche giorno fa. Non sarei così sicuro che il fatto che faccia voltare tutti ai bordi della strada sia così positivo. E’ chiaro che i centauri quando sfilano sui loro bolidi si sentano ammirati (tanto non c’è diritto di replica: passano  e nessuno può dire nulla). Ebbene posso garantire che spesso chi si gira non lo fa per ammirazione ma per curiosità (cosa e chi si permette di creare tanto rumore?) e fastidio. Eh lo so la verità può essere sconvolgente ed è dura da accettare! Poi nessuno nega che ci siano anche gli appassionati a voltarsi (per i quali il rumore viene intrpretato come melodia… de gustibus…) ma non credo che sia la regola dominante.

Quando spalanco il gas il motore urla

Dovrebbe essere una cosa positiva? Penso lo sia solo per chi guida. Per chi deve sorbirsi l’urlo probabilmente non tanto.

La scatola filtro fa da cassa di risonanza amplificando il cupo rumore del vorace bicilindricoassetato di miscela. Il condotto di aspirazione è finalmente libero da elementi limitatori ed il risucchio si traduce in un rombo sordo, forse più accattivante di quello allo scarico.

Ma che bello! E perché non deliziare solo gli appassionati in pista? Perché chi non vuole godere di una tale sinfonia deve sorbirsela comunque suo malgrado? Ma questo è il punto culminante: infatti non è solo una questione di decibel: sono proprio i rumori sordi a dare più fastidio, a propagarsi maggiormente ed ad irritare più di tutti gli altri tipi di rumore.

Il motore sale di giri, nell’intervallo 5000-5500, il grido desmodromico si fa davvero rauco e brutale. La cattiveria che si sprigiona nella fase di aspirazione è udita prevalentemente da chi ci precede, essendo i due cornetti di aspirazione rivolti in avanti. In più di un’occasione ho visto persone voltarsi spaventate dall’aggressività del motore in rombante progressione…;

Descritto così sembra quasi una cosa positiva! Peccato che, se non stiamo parlando di prestazione su pista, non lo sia assolutamente. Il rumore rombante in progressione potrà essere appagante per chi è in sella. E per chi è in casa propria e  se lo deve sorbire? beh..ma tanto io posso… comunque è omologata … Certo! Se basta a pulirsi la coscienza! Se la legge lo consente… attenzione a non usare la propria testa ed il buon senso, mi raccomando! Si potrebbe essere spinti a rinunciare ad alcuni benefici personali come la libertà di far rombare certi bolidi lungo le strade statali per rispettare il buon senso civico! Andare contro i propri interessi personali? Rispettare il prossimo? Ma non scherziamo!

Quando il motore sale ai 5000-5500 ovviamente siamo perfettamente nei limiti di velocità vero?

Beh complimenti per il temino: 7+

Annunci

2 thoughts on “Il canto del Pompone

  1. Pingback: Facebook – NO – Motociclisti indisciplinati « Bastamoto

  2. Pingback: Grazie mille! « Bastamoto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...