Incidenti, le moto troppo spesso non rispettano le regole

Segnalo un articolo tratto da IL TIRRENO – Livorno

Incidenti, le moto troppo spesso non rispettano le regole

Cosa si vuole dire con questo? Che gli automobilisti sono civili e ripettosi del codice della strada? Che non sono pericolosi e non creano mai incidenti? Ovviamente no, sarebbe un’affermazione assurda e priva di fondamento. Ma concordo pienamente sul fatto che molti moticilisti (non tutti) si sentano liberi, troppo liberi. Così liberi da non sentirsi costretti a rispettare il codice. E’ mia esperienza quotidiana quella di motocilcisti che non considerano neanche lontanamente l’idea di fermarsi alle strisce pedonali. E si sa che per sopravvivere bisogna mettere giudizio anche per chi appunto … non ne ha.

Concordo pienamente anche con un’altra osservazione, è cioè sul fatto che il traffico si sia preso troppo spazio nell’ambito urbano. La mobilità è, e deve continuare ad essere, un diritto, ma questo non vieta di studiare forme di trasporto alternative che restituiscano un po’ del territorio urbano ai legittimi proprietari: le persone . In quest’ottica andrebbe tutelato e incentivo tanto chi si sposta a piedi quanto chi lo fa in bicicletta. Ma si sa: siamo in Italia… va bene così, contiunuiamo così, tanto oggi viene investito qualcuno, domani si scatenerà la polemica per alleviare  ogni peso dalla coscienza e dopodomani, presi dalla frenesia quotidiana, non se ne ricorderà più nessuno. Comparirà il solito mazzo di fiori che andrà a far compagnia ai numerosi già presenti, sparsi qui e lì ai bordi delle strade, gesto compassionevole che perderà il proprio significato diventando parte integrante del paesaggio. E si andrà avanti sempre così! W la civiltà!

Ma torniamo al problema degli attraversamenti pedonali. Attraversare una strada è sempre un pericolo. Spesso chi guida ha fretta o comunque non ha intenzione di fermarsi. Secondo la mia esperienza però è chi si pone sempre in posizione di sorpasso il vero pericolo. Perché capita spesso che qualcuno si fermi alle strisce pedonali e che chi sta dietro, non avendo capito il motivo del rallentamento, si prenda la briga di superare. Le conseguenze penso che le conoscano tutti. In genere questo tipo di comportamento è tipico per indole e possibilità fisiche del mezzo (più stretto) di chi viaggia su due ruote. Non dico che tutti i dueruotisti si comportino così, ma molti sono portati a farlo. Non dico nenache che gli automobilisti non lo facciano mai, ma per questioni di stazza fisica del mezzo, la manovra risulta molto più complicata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...