Il ringraziamento settimanale

Ho scritto più e più volte, e lo confermo, che non è cattiveria, semplicemente NON CAPISCONO, non ci arrivano. Ciò non toglie che siano semplicemente INSOPPORTABILI.

Ringrazio dunque tutti i “civilissimi” centauri che con le loro scorribande sui rispettivi destrieri meccanici continuano imperterriti a rendere la vita impossibile a me e a tutti quelli che come me sono inermi dinnanzi ad un fenomeno tanto grave quanto esteso.

“Ma che fastidio ti danno?” “Ma che male ti hanno mai fatto?“ecc. Non so più come spiegarlo, magari in un’altra lingua… Non si tratta di 1 moto, non si tratta di 2 moto, si tratta di decine, centinaia di passaggi, uno più rumoroso e fastidioso dell’altro. Qualcuno, con arguzia sopraffina, se ne è uscito con un bel “Perché non ti chiudi in casa e ci lasci in pace?” Si tratta evidentemente di qualcuno che ha capito proprio tutto della vita e anche di più, ha capito il mio (ma non solo mio) problema e che con intelligenza e saggezza incommensurabile propone una soluzione geniale. Quindi il premio Nobel per le intuizioni geniali mi sembra che possa considerarsi assegnato, no? Anche se, per essere onesti, è in buona compagnia, le perle di saggezza, di bon ton, di sensibilità, di comprensione, di ricerca del dialogo, si sprecano. Posso assicurare che  emerge proprio un gran bel quadro della categoria dei centauri!

Perché non ti chiudi in casa? Ma dove crede che stia? Io tutto questo lo subisco chiuso in casa, rintanato in un interrato per limitare i danni. Quindi non solo non posso stare all’aria aperta, ma non posso stare neanche in casa mia e mi devo rintanare sotto terra per sentire il meno possibile.

Ma tanto… un moto passa e va! Sarà sempre meglio del tamarro che parcheggia sotto casa con lo stereo a palla? Ma che razza di ragionamento è? Ma nenache un bambino delle elementari farebbe un ragionamento di un livello così infantile. Innanzi tutto il rumore, e più in generale il suono,  ha comportamenti difficilmente prevedibili. Forse i “simpaticissimi” centauri non sanno (anche perché non si pongono neanche il problema) che quando vanno in montagna o in collina, il rumore viene amplificato e rimbomba per le vallate. Quindi una moto la si sente molto tempo prima del suo transitare. E la si continua a sentire anche molto dopo. Ma non è una sola, come ho già fatto presente i passaggi sono centiania. Ma il massimo lo si raggiunge quando sono in gruppo. Un concerto in boato maggiore che non ha eguali. Tutto questo poi perché i centauri “amano la natura“. Certo, scorazzare con mezzi meccanici e fare un casino infernale è la prova tangibile che amano la natura, la contemplano e soprattutto la rispettano. Eh sì! Loro sì che hanno capito prorpio tutto della vita! Bravissimi! Complimenti! E grazie a nome mio e di tutti quelli che come me devono loro malgrado SOPPORTARLI!

“Perché non ci lasci in pace?” Chiedono. Ma la domanda è reciproca. Io, fino a prova contraria sono a casa mia e non creo danni a nessuno. Loro invece vengono a casa mia a rendermi impossibile la vita e mi chiedono “Perché non ci lasci in pace?” Siamo a questo livello di ottusità e demenzialità? Perché se è così per cortesia fermate il mondo che voglio scendere!

Annunci

One thought on “Il ringraziamento settimanale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...