Sant’Agata Feltria ha paura delle moto: un’invasione che non lascia tranquilli i residenti

Mi sono preso una breve pausa, ma sono tornato. Una pausa necessaria per disintossicarmi almeno parzialmente dal voltastomaco (letteralmente parlando) che mi attanaglia a causa dell’avere a che fare con un ambiente così ributtante come quello dei centauri incivili. Ributtante per quanto avviene sulle strade e del quale sono testimone diretto, ributtante per quanto leggo in internet, ma soprattutto per le testimonianze che ricevo. Non c’è verso, io ho provato a cercare un dialogo, ma per questi individui (e mi riferisco ai centauri INCIVILI, non all’intera categoria!) non c’è rimedio. Come ho già affermato in passato o non capiscono o non vogliono capire.

Ad ogni modo, riprendiamo con la carrellata dei disagi provocati da questi elementi con un articolo tratto dal Resto del Carlino del 10 agosto dal titolo Sant’Agata Feltria ha paura delle moto: un’invasione che non lascia tranquilli i residenti

Appare subito evidente, come se ce ne fosse ancora bisogno, che il problema è serio e che bisogna intervenire con urgenza. Si va ben oltre il semplice disturbo della pennichella domenicale come alcuni centauri vogliono credere o far credere! Forse non ci crederete ma qualcuno mi ha scritto proprio questo…lasciando intendere “e che sarà mai?!”

In conclusione desidero esprimere tutto il mio apprezzamento al sindaco di Sant’Agata Feltria (Rimini – Emilia Romagna) Guglielmino Cerbara per la presa di coscienza del problema e per la volontà di risolverelo. Auspico quindi che con l’appoggio del prefetto di Rimini e auspicabilmente con tutte le parti in causa non ci si limiti alle sole parole o a qualche semplice controllo occasionale, ma che si attui un piano serio per contrastare il problema, se necessario anche ricorrendo al pugno di ferro e a misure estreme.

Basta essere tolleranti, basta fare finta che il problema non esiste. Se siamo nella situazione in cui ci troviamo oggi è perché fino ad oggi non si è fatto nulla o quasi per contrastare il problema. Adesso che il problema continua a crescere è ora di agire e di dire BASTA!

 

P.S per evitare preventivamente incomprensioni varie, invito i centauri di turno risentiti da quanto ho scritto che volessero inviare commenti di protesta a leggere prima FAQ e Moderazione dei commenti. Grazie

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...