I Verdi a Montagna: «Il rumore delle moto uccide» – Parte II

Nell’ultimo post mi sono occupato di un articolo dal titolo I Verdi a Montagna: «Il rumore delle moto uccide»  (cliccare sul link per leggere l’articolo). Ho preferito affrontare un discorso generico più indirizzato alla normativa ed allo stato dell’arte in generale.
Oggi invece vorrei dedicarmi al caso specifico. Si tratta in pratica della protesta battezzata “Rompiamo il rumore!” ed organizzata a fine agosto Montagna (BZ) dai Verdi in occasione della tappa a Canazei di  “Legend on tour 2011“, l’evento promozionale itinerante organizzato da Harley Davidson.
Per la cronaca Montagna è una di quelle “sfortunate” località collocate lungo uno dei percorsi privilegiati dai motociclisti per le loro escursioni. Nello specifico si tratta della Strada statale 48 delle Dolomiti. Ne avevamo già parlato tempo fa: Moto veloci e rumorose: proteste a Montagna (cliccare sul link per leggere l’articolo) e sottolineo solo che la zona è Patrmonio Unseco.
La criticità della situazione era quindi già nota da tempo indipendentemente dal raduno Harley. Ognuno è ovviamente libero di trarre le proprie conclusioni sull’opportunità di organizzare un evento di questo tipo in un contesto come quello Dolomitico.

Le cornache locali hanno trattato ampiamente l’argomento:

Bolzano / Motoraduno: l’assessore provinciale Laimer ritiene sia “Contro la filosofia delle Dolomiti patrimonio Unesco”

Raduno Harley Davidson sulle Dolomiti, i Verdi: «Troppo inquinamento acustico»

Cresce protesta contro raduno Harley sulle Dolomiti

Le 200 Harley sulle Dolomiti: «Uno scempio», «no, turismo»

Le Harley sulle Dolomiti scatenano le polemiche

Harley Davidson, monta la protesta

Dolomiti invase dalle Harley è lite tra i sindaci delle valli

…e tantissimi altri

Riassumendo, le proteste che sono rivolte ai motociclisti sono riferite, come si legge nell’articolo, all’ inquinamento acustico  con un accenno al pericolo.

Vediamo invece le controproteste. L’articolo termina come segue: […] Nel bel mezzo delle rilevazioni col fonometro e della protesta contro i rumori dei Verdi è arrivato su una fiammante Honda 1800 Kuno Bonatti, presidente del Moto Club Egna. «Non sono qui per difendere chi vuole imitare i campioni del motomondiale mettendo a rischio la propria vita e quella degli altri, ma non sopporto nemmeno chi, come Michil Costa, predica bene e razzola male. È troppo facile attaccare i bikers e cercare di vietare loro i passi dolomitici, quando si organizza ogni anno una gara ciclistica per 10 mila persone che certo non arrivano in Badia a piedi e inquinano. Poi, fanno più rumore gli elicotteri Rai al seguito della Maratona delle Dolomiti che le nostre Harley».

E’ un classico! Invece di ribattere oggettivamente punto per punto, ammesso che vi siano argomenti di difesa alle accuse sostenute è ormai assodato che la prassi è deviare il discorso. Invito a leggere i commenti ad un qualunque articolo nel web che accusi la categoria dei motociclisti sia di pericolo che di rumore. Sicuramente si troverà come obiezione qualcosa del tipo “e allora gli automobilisti? E allora questo….  e allora quello, lui è peggio di me”, non si arriva “a signora maestra lui mi ha rubato la merendina” ma poco ci manca.

Raramente ho letto argomenti validi, qualcosa di più del “se lo fa lui perché non lo posso fare anch’io?“. Vediamo dunque che c’è chi si appiglia agli elicotteri della Rai ed ho letto anche di chi si appiglia ai fuochi d’artificio che disturberebbero la fauna locale o qualcosa di simile ecc. Ma nulla che si avvicini lontanamente ad un ragionamento.

Vedo invece spesso puntare il dito sull’inquinamento ambientale: “le auto inquinano più delle moto“. Tendenzialmente è vero. Bisogna però tenere in considerazione alcuni aspetti per ottenere una valutazione complessiva. Come ho già ribadito più volte l’auto è un mezzo di trasporto, non un giocattolino da fine settimana. Serve per spostarsi da un punto A (casa) ad un punto B (destinazione) e ritorno. Almeno così viene interpretata dalla maggioranza delle persone. Una volta giunti a destinazione si parcheggia e si fa altro. La moto, facendo riferimento ai “giri in moto” da fine settimana, sono invece lo scopo stesso dell’uscita: quindi Km e Km solo per andare in giro senza una reale meta. Andrebbe valutato, calcolando che un’auto può portare fino a 4/5 persone, se l’impatto complessivo è maggiore in un caso o nell’altro. Con questo non voglio difendere l’auto e demonizzare la moto, intendo solo dire che a volte le cose potrebbero non essere come sembrano e che comunque, anche se la moto consuma meno di un auto, non va ad aria, consuma ed inquina comunque. Quindi il fatto di dire “faccio un giro in moto” perché tanto inquina meno di un auto non so fino a che punto regga dal punto di vista oggettivo.

Venendo alle questioni tecniche in merito ai consumi, mi riferisco al caso specifico delle Harley. Si tratta di moto di grossa cilindrata e, in base alle informazioni che ho raccolto da profano in materia, i consumi sono molto variabili da modello a modello oltre che in base allo stile di guida ed al tipo di percorso. Diciamo che si oscilla dai 15 ai 25 Km/Litro indicativamente.

I dati dichiarati dalla casa si aggirnano attorno ai 19-20 Km/l con percorso misto:

  • 883 Roadster = N/A
  • SuperLow = 4.6 l/100 km (21,7 Km/l)
  • Iron 883 = 4.6 l/100 km (21,7 Km/l)
  • 1200 Custom = 4.9 l/100 km (20,4 Km/l)
  • Nightster = 4.9 l/100 km (20,4 Km/l)
  • Forty-Eight = 4.9 l/100 km (20,4 Km/l)
  • XR1200X = 5.3 l/100 km (18.9 Km/l)
  • Street Bob = 5.5 l/100 km (18.2 Km/l)
  • Wide Glide = 5.6 l/100 km (17.9 Km/l)
  • Fat Bob =  5.6 l/100 km (17.9 Km/l)
  • Switchback = 5.6 l/100 km (17.9 Km/l)
  • Fat Boy = 5.6 l/100 km (17.9 Km/l)
  • Fat Boy Special = 5.6 l/100 km (17.9 Km/l)
  • Blackline = 5.6 l/100 km (17.9 Km/l)
  • Softail Deluxe = 5.6 l/100 km (17.9 Km/l)

(fonte: http://www.harley-davidson.com)

Non mi sembra comunque un consumo basso soprattutto se lo si confronta con quello medio di un’auto che si attesta attorno ai 15 km/l (il confronto è bastato sui dati dichiarati dalle case).  Un conto sarebbe se il consumo fosse 30-40 Km/litro  ma 20 onestamente non mi sembrano un valido argomento di contestazione da sbandierare soprattutto se sono abbinati alla questione inquinamento acustico.

In definitiva dal mio punto di vista non si può accusare la cetegoria degli harleysti per la questione pericolo su strada, non sono smanettoni, anzi, sono sicuramente tra i più tranquilli, questo va loro riconosciuto. Tutto verte sulla questione inquinamento in senso generale (ambientale ed acustico). E questa, come dimostrato, non gioca affatto favore delle Harley. Ognuno poi è libero di trarre le proprie conclusioni sull’ idoneità del contesto dolomitico ad ospitare l’evento e più in generale, nel corso della stagione turistica, il transito perenne di questo tipo di veicoli.

P.S per evitare preventivamente incomprensioni varie, invito i centauri di turno risentiti da quanto ho scritto che volessero inviare commenti di protesta a leggere prima FAQ e Moderazione dei commenti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...