Segnalazione di ciclomotori/motocicli rumorosi

E’ con grande piacere che segnalo una lodevole iniziativa messa in atto dal Comando di Polizia del Comune di Rapallo (Genova – Liguria):

08-08-2012
SEGNALAZIONE DI CICLOMOTORI/MOTOCICLI RUMOROSI

E’ attivo il nuovo servizio che consente ai cittadini di segnalarci le targhe dei ciclomotori (o delle moto) che circolando provocano rumori molesti e fastidiosi per la pubblica quiete (a causa dell’inefficienza del silenziatore o di altre problematiche relative al veicolo).

Per farlo, è sufficiente inviarci una e-mail all’indirizzo SEGNALA.CICLOMOTORI@COMUNE.RAPALLO.GE.IT contenente il numero di targa del veicolo, la zona in cui è stato avvistato e una sommaria descrizione dei problemi rilevati. Sarà cura di questo Comando effettuare le opportune verifiche al fine di adottare i provvedimenti, anche di carattere sanzionatorio, a carico dei trasgressori responsabili.

Ringraziamo per la collaborazione.

http://www.comune.rapallo.ge.it/index.php?id_doc=361&id_oggetto=10

Quando l’ho letto quasi non ci credevo. Ma allora qualcosa si muove ogni tanto, quando c’è la volontà di affrontare un problema si può fare qualcosa! Certo, purtroppo rimane una goccia d’acqua nel deserto, un caso isolato, ma mi auguro vivamente che sia da esempio ad altre amministrazioni locali. L’unica mia perplessità riguarda la diffusione di questa notizia: in quanti saranno al corrente di questa possibilità? Mi auguro che i residenti di Rapallo siano coscienti della fortuna che è capitata loro e non esitino ad utilizzare questo servizio. Un’ultima considerazione che vorrei esprimere riguarda l’aspetto locale di questo tipo di iniziative. E’ vero che certe questioni sono a carico delle amministrazioni locali ma, è evidente che il problema dell’inquinamento acustico gratuito ed ingiustificato di moltissime moto coinvolge l’intero Paese. Allora non sarebbe meglio avviare un piano d’azione di comune accordo? Non è meglio unire le forze di tante singole entità? Non affermo che le iniziative locali non possano avere effetti positivi, si guardi per esempio all’operazione Defend Life messa in atto dalla Guardia Forestale di Arezzo. Ma se queste operazioni venissero attuate di comune accordo a livello nazionale, pur riconoscendo la dovuta autonomia alle singole entità,  la ricaduta ed i risultati sarebbero sicuramente maggiori. Mi riferisco sia ad una ricaduta in termini di risultati concreti sia in termini di comunizione  dell’operato attraverso i vari media.

BastaMoto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...